Domande da porre in sede di colloquio: che cosa ti serve sapere

Reading Time: 3 minutes

L’annuncio di lavoro a cui hai risposto descrive il ruolo perfetto per te, eppure c’è qualche dettaglio che forse manca. Informati durante il colloquio con le domande giuste.

Solo con un quadro preciso del contesto in cui ti proponi e con tutte le informazioni che ti servono potrai valutare al meglio una nuova opportunità lavorativa.

Ecco alcuni spunti per porre domande rilevanti in sede di colloquio.

domande

Mansioni in dettaglio

Quali saranno i tuoi compiti e le tue attività? In che modo le svolgerai? Conoscere esattamente che cosa prevede il tuo ruolo ti permetterà di:

  • Valutare se ti senti veramente all’altezza e a tuo agio
  • Quali competenze sono più importanti
  • Quali competenze devi eventualmente acquisire per svolgere al meglio il tuo lavoro
  • Capire veramente se le attività che andrai a svolgere sono nelle tue corde e possono essere utili per la tua crescita personale
  • Comprendere che cosa l’azienda si aspetta dalla figura che intende assumere o inserire in stage

Requisiti e caratteristiche personali

Normalmente, negli annunci di lavoro vengono indicati una serie di requisiti fondamentali che il candidato deve possedere, ed eventualmente dei requisiti preferenziali (nice to have). Spesso vengono indicate anche le soft skills che caratterizzano il profilo ideale. Se credi di possederne solo in parte, puoi chiedere quali sono i requisiti e le caratteristiche personali che sono assolutamente imprescindibili per essere un elemento valido per l’azienda. Inoltre, potrai avere delucidazioni sul perché venga richiesta una determinata competenza. Per esempio, se l’azienda richiede un buon livello di inglese, puoi informarti in quali attività sia necessario utilizzare questa lingua.

Giornata tipo

Al di là di utili indicazioni sugli orari da rispettare, chiedere come si svolge la giornata tipo di chi ricopre il ruolo per cui ti sei proposto può darti un’indicazione su come viene organizzato il lavoro. Inoltre potrai avere un’idea del tempo necessario per portare a termine determinate attività e di quali sono prioritarie rispetto ad altre.

Obiettivi e report

È molto facile che, essendo tu una figura junior, ti verrà chiesto di portare a termine degli obiettivi ben precisi seguendo modalità operative definite. Inoltre, molto probabilmente, dovrai sottoporre il tuo operato ad una persona senior di riferimento. Sapere quali risultati ci si aspetta da te e a chi dovrai darne conto, e in quali modalità, ti fornisce un’idea più chiara di come andrai a svolgere il tuo lavoro e di come ci si aspetta che tu lo faccia.

Team di lavoro

Se il ruolo prevede che tu venga inserito in un team o in una unit, può esserti utile capire da che tipo di figure è composta e come collaborerai con loro. In più, è importante conoscere che tipo di connessioni avrai con dipartimenti dell’azienda diversi da quello in cui dovrai operare.

Cultura aziendale

Conoscere i valori dell’azienda, in particolare la vision e la mission, ti permette di valutare più attentamente se è il contesto giusto per te. Anche la conoscenza delle policy aziendali può darti un’idea più chiara dei comportamenti da tenere in sede di lavoro e di come viene vissuto il rapporto fra datore di lavoro e dipendente.

Formazione

Normalmente le nuove risorse, specie se junior, seguono un percorso formativo in azienda per poter meglio svolgere le loro mansioni. Puoi chiedere se sono previsti corsi (interni o esterni), periodi di affiancamento oppure momenti di studio individuale (per esempio tramite piattaforme di corsi online).

Strumenti

Conoscere quali mezzi ti saranno forniti dall’azienda, e se eventualmente dovrai servirti anche strumenti tuoi (laptop, telefono) è sicuramente un’informazione utile. Inoltre potrai sapere se in azienda vengono utilizzati spesso determinati programmi, cosa che ti permetterà di impratichirti sul loro uso (qualora non fossi già un esperto) prima di iniziare a lavorare.

Inquadramento iniziale e prospettive future

Quale sarà il tuo contratto iniziale? Oppure, in caso si tratti di uno stage, è previsto un rimborso? Com’è strutturato il piano formativo?

Esistono prospettive di inserimento a fine stage? O ancora, dopo il contratto a tempo determinato è prevista un’assunzione a tempo indeterminato oppure un rinnovo? Ci saranno scatti di livello? Quali sono le prospettive di crescita all’interno dell’azienda? Sapere se il ruolo per cui ti proponi darà origine a buone opportunità di carriera è sicuramente un fattore da considerare.

Un pensiero riguardo “Domande da porre in sede di colloquio: che cosa ti serve sapere

Lascia un commento