Come scrivere un curriculum vitae

Reading Time: 4 minutes

Come si crea un CV efficace?

Partiamo dalle basi: che cos’è il curriculum vitae

Il curriculum vitae è un documento redatto al fine di presentare sé stessi attraverso la propria esperienza scolastica e lavorativa, le proprie competenze, le caratteristiche e le abilità personali.
Naturalmente il CV deve contenere anche i propri dati anagrafici e i contatti.
 

Come si scrive un buon curriculum vitae

Un curriculum vitae deve essere esaustivo ma sintetico, impostato in modo piacevole e chiaro, aggiornato, ortograficamente perfetto. Nel tuo CV non possono mancare le tue informazioni personali, le esperienze lavorative, gli studi e le tue competenze. Questo punto verrà affrontato fra poco.

Il tuo CV è il tuo biglietto da visita. Il curriculum infatti è il mezzo con cui si ha il primo contatto con un potenziale datore di lavoro. Bisogna che attiri l’attenzione e ti faccia ricordare. Per questo è bene che tu ti prenda tutto il tempo necessario per fare un buon lavoro.
 

Perché è importante scrivere bene il curriculum

Ogni giorno, i recruiter, i responsabili HR e le aziende ricevono decine (se non centinaia) di curricula, in risposta ad annunci di lavoro o tramite candidature spontanee. Purtroppo, non sempre il tempo è dalla parte di chi si candida e di chi deve selezionare: i tempi di consultazione dei CV sono molto ristretti. Per questo motivo la redazione efficace del proprio CV è ancora più importante. Se anche potresti essere il candidato ideale per un’azienda, potresti rischiare di non essere contattato proprio perché il tuo curriculum risulta essere poco chiaro e scorrevole, incompleto, oppure semplicemente troppo prolisso (di questo mi sono riconosciuta in diverse occasioni colpevole 🙂 ). Se la vera partita si gioca a colloquio, prima di tutto bisogna superare le eliminatorie, ovvero la fase di screening.
 

Che cosa deve contenere il curriculum

Questo è l’elenco base delle informazioni da inserire nel CV:

  • Dati personali e informazioni di contatto
  • Foto <- Note bene: questo è un tema dibattuto. In alcuni paesi non si usa mettere la foto, in quanto considerata come possibile fonte di discriminazione. Considera però questo: inserire una propria foto, purché consona e professionale, aiuta chi consulta il nostro CV a dare un volto riconoscibile al nostro profilo. Meglio farsi ricordare, no?
  • Esperienze lavorative, dalla più recente alla meno recente
  • Formazione scolastica, a partire dall’ultimo titolo conseguito
  • Formazione extra-scolastica e/o post-graduate
  • Conoscenze linguistiche con indicazione del livello ed eventuali certificazioni
  • Conoscenze informatiche con indicazione del livello ed eventuali certificazioni
  • Competenze personali, ovvero le soft skills che ti contraddistinguono
  • Patenti, mezzi propri <- Ove richiesto, oppure se ci si candida presso aziende difficilmente raggiungibili coi mezzi pubblici o lontane dal proprio domicilio.
  • Interessi, cioè gli hobby che dicono qualcosa della tua personalità
  • Autorizzazione al trattamento dei dati personali
  • Firma

Per alcune professioni è importante inserire anche altri tipi di competenze come per esempio quelle artistiche, oppure quelle riferite alla conoscenza dei programmi utilizzati in un determinato ambito professionale (software di grafica, gestionali). Va tutto in funzione del tipo di candidatura.

 

Quali dati personali sono da indicare nel curriculum

  • Nome e cognome
  • Indirizzo e-mail
  • Numero di telefono
  • Luogo e data di nascita
  • Indirizzo <- da distinguere in domicilio e residenza, ove differenti (e se ciò può essere rilevante ai fini della propria candidatura).
  • Cittadinanza, Nazionalità <- se per chi è di nazionalità italiana può risultare scontato, è utile dare questa indicazione se si è stranieri residenti in Italia. Per alcune candidature non basta conoscere in modo approfondito una lingua straniera: è necessario essere madrelingua. Se la nazionalità può essere un valore aggiunto è conveniente indicarla.

 

Quanto deve essere lungo il curriculum vitae

1-2 pagine è la lunghezza ideale, esattamente per ciò che è stato detto in precedenza. 1-2 pagine scorrevoli e ben scritte permettono a chi consulta il tuo curriculum di avere una panoramica completa del tuo profilo. 3-4 pagine iniziano ad essere una sfida. Il rischio è quello che il lettore non porti a termine la consultazione (o che rinunci in partenza). Ciò non significa che sia meglio scrivere 1-2 pagine “fitte”, completamente ricoperte d’inchiostro. Anche questo scoraggia la lettura e rende difficile la fruizione delle informazioni. Ci vuole il giusto mezzo. Provare ad immedesimarsi nel lettore può notevolmente facilitare questa operazione.

 

Cosa inviare in aggiunta al proprio curriculum

Una lettera di presentazione è il completamento perfetto del tuo curriculum, se scritta bene e utilizzata in modo appropriato, .

In caso di candidatura tramite form online, qualora non fosse possibile allegare il file della propria lettera di presentazione, si può sfruttare lo spazio “messaggi” o “note” (può avere anche denominazioni diverse) e trasferire lì il testo.

Se ci si candida per professioni come ad esempio copywriter, fotografo, web designer o per altri lavori di tipo artistico-creativo, è fondamentale avere un proprio portfolio e presentarlo unitamente a CV e cover letter.

 

Che cos’è l’autorizzazione al trattamento dei dati personali e perché va inserita in fondo al curriculum

È l’autorizzazione che si dà a chi si invia il proprio CV a compiere qualsiasi operazione che riguarda i dati in esso contenuti. In parole povere, se volete essere contattati quando rispondete a un’offerta di lavoro o inviate una candidatura spontanea, con questa dicitura sul curriculum autorizzate il vostro interlocutore a farlo. L’autorizzazione deve essere inserita in calce e accompagnata dalla propria firma (originale se si consegna il CV cartaceo, digitale per le candidature online).

Ecco alcune forme di autorizzazione al trattamento dei dati che puoi utilizzare:

  • Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”;
  •  Autorizzo il trattamento dei dati personali contenuti nel mio curriculum vitae in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003;
  • Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003;
  • In riferimento alla legge 196/2003 autorizzo espressamente l’utilizzo dei miei dati personali e professionali riportati nel mio curriculum vitae.

 

Queste sono le primissime indicazioni per la redazione del tuo curriculum.

Puoi approfondire il tema e imparare a scrivere in modo strategico il tuo curriculum vitae con i consigli della Career Counselor Chiara Pezzini. Se hai qualche domanda sul tema del CV o vuoi proporre un argomento che ti interessa approfondire, condividilo in un commento.

 

Buona giornata e… Stay Human(istic!)

 

Un abbraccio ben redatto,

Lorenza

 

4 pensieri riguardo “Come scrivere un curriculum vitae

Lascia un commento